Investigazioni

Ti accorgi che è un allevamento perché senti i loro lamenti da lontano; potrebbe essere anche un magazzino dove tenere degli attrezzi. Non ci sono finestre.

Tante stanze umide, buie, una fogna. All’interno di ogni stanza 6 o 7 esseri viventi chiusi dentro gabbie grandi come il loro stesso corpo.

Le madri allattano alcuni cuccioli, altri vagano rimanendo bloccati con le zampine dentro a griglie di ferro. Alcuni sono già cadaveri.

Nulla qui dentro ha a che vedere con la loro etologia, nulla qui dentro ha a che vedere con l’etica. Il loro sguardo è perso nel vuoto, il nostro è pieno di lacrime. Non vedranno mai il sole, la pioggia, la luce naturale, l’erba, la terra.

Tutto inizia e finisce in quel magazzino.

Le tue scelte sono importanti, possono evitare tutto questo. Insieme possiamo creare un mondo migliore , empatia per ogni forma di vita.

 

 

 

 

Siamo stati in un luogo dove gli animali sono prigionieri, rinchiusi in spazi minuscoli, talmente in sovrappeso da non riuscire a reggersi sulle zampe, sfruttati e poi uccisi.

Abbiamo visto cose difficili da accettare ma proprio per questo abbiamo deciso di condividerle con voi.

Perchè è proprio attraverso le immagini e i video che si smuovono le coscienze, è attraverso testimonianze come questa che si cambiano le cose.

Questo è il video della nostra investigazione all’interno di uno dei tanti allevamenti intensivi di maiali in Italia.