#SOSLupo – Firma la petizione
gennaio 27, 2017
Proroga di 3 anni agli esperimenti sugli animali
febbraio 20, 2017

Sperimentazione animale

La scimmietta “Britches” liberata nel 1985 dai laboratori dell’università della California (Riverside, USA). Nell’ambito di esperimenti sulla vista, a questa scimmia erano state cucite le palpebre e innestato sulla testa un dispositivo sonar che avrebbe dovuto sostituire gli occhi. A causa delle differenze biologiche tra umani e altri animali, c’è sempre un problema nell’estrapolare dai risultati della sperimentazione animale agli umani…il problema e’ accresciuto dal fatto che non c’è alcuna specie animale che abbia reazioni identiche a quelle degli esseri umani. Qualsiasi affermazione di necessita’ assume che non ci sia alcun altro modo di risolvere i problemi di salute umana. Anche se la sperimentazione animale è casualmente connessa alla produzione di dati rilevanti per questioni di salute umana, non ne segue che gli esperimenti sugli animali siano l’unico modo , o il più efficiente, di risolvere quei problemi di salute …Per esempio, le considerevoli spese per fare ricerca sull’AIDS usando gli animali hanno prodotto poco….e la maggior parte di ciò che ha allungato e migliorato la vita delle persone con l’AIDS o HIV proviene da esperimenti clinici sugli esseri negli umani ( Bayley 2005) …c’e evidenza empirica che…, in molti casi, gli esperimenti sugli animali sono stati controproducenti… Per esempio benchè degli studi conclusi nei primi anni 60 avessero concluso che esisteva una correlazione tra cancro e fumo di sigaretta, il fatto che i ricercatori non fossero riusciti a sviluppare un modello animale per il cancro ai polmoni li indusse a rifiutare la validità della teoria che il fumo provoca il cancro ( La Follette e Shanks 1994) ….gli esperimenti sulla poliomielite con le scimmie ebbero come risultato delle idee errate sulla malattia negli umani e questo rallento’ la prevenzione.Nei primi anni 40, era chiaro che l’asbesto causava il cancro negli umani, ma poichè gli esperimenti sugli animali non confermarono i pericoli dell’asbesto, questa sostanza rimase non regolata per decenni G.L.Francione ” The Use of Nonhuman Animals in Biomedical Research: Necessity and Justification”Journal of Law, Medicine and Ethics 2007